Venti (di mistral, di tecnologia), Uragani declassati e guardalinee infortunati…

Nel variopinto mondo dello sport, ogni domenica non mancano gli spunti per notizie epiche e meno epiche. A Marsiglia la partita tra le due Olympique di Francia, Marsiglia e Lione, è stata rimandata per il mistral che soffiava troppo forte. Insomma, a New York avranno Sandy ma qui da noi non siamo da meno. In serie A, invece, soffia un vento di tecnologie, come se queste potessero essere la panacea di tutti i mali, e non contribuissero invece ad aumentare il divario tra la massima serie e le categorie minori. Però si sa, nel calcio italiano è consuetudine berciare contro gli arbitri, almeno le lacune tecniche si vedono meno.
E così, mentre a Venezia alcuni tifosi hanno pensato bene di picchiarsi tra di loro nel prepartita di Venezia-Mantova, e a Lanciano ottengono l’agibilità per lo stadio con la ragguardevole capienza di 4.678 posti, per disputare le partite interne del campionato di serie B, nel nostro girone di serie D succede ben altro.
Succede infatti che a Scandicci, durante la partita contro il Pierantonio, un guardalinee mio omonimo si sia infortunato mentre la gara era sull’1-0 per i locali, e allora l’arbitro Camardi di Genova abbia optato per la soluzione in uso nelle categorie minori, quelle in cui non viene inviata la terna arbitrale ma solo il direttore di gara, ovvero i guardalinee “di parte”: uno scelto dalla squadra di casa, l’altro dalla squadra in trasferta. In fondo, il regolamento lo consente, a quanto pare, e poi manca solo un quarto d’ora alla fine della partita. Solo che, invece di farlo fare ad un dirigente, come si usa di solito, lo Scandicci abbia scelto di far fare l’assistente dell’arbitro ad un giocatore da poco sostituito. Nella fattispecie, a Luca Mariotti, che poco prima aveva segnato proprio il gol dell’1-0. Si va avanti così, la partita termina 2-0 per lo Scandicci, ma come era lecito aspettarsi, il Pierantonio ha annunciato che presenterà ricorso, chiedendo che gli venga assegnato il 3-0 a tavolino o, in subordine, la ripetizione della partita. Intanto pare che i tifosi del Pierantonio stiano passando al setaccio il profilo Facebook dell’assistente Gennari, per vedere se ci sono foto in cui si fa riferimento al suo tifo per la Sestese. Con il rischio poi di scoprire, come nel caso di cui tutti parlano in questi giorni, che non si tratta di una pagina personale del guardalinee ma di una Fan Page sul guardalinee. È proprio il caso di dire che su questa pagina è stato fatto molto rumore per nulla, come diceva Shakespeare. Lo dico sempre io, che il calcio deve continuare ad andare avanti senza tecnologia…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...